E' appena nata una nuova falesia nel bosco dell'Aschiero che verrà inaugurata domenica 11 Agosto, a pochi minuti dal parcheggio dei Prati di Tivo!!! A dargli vita e' sta la storica Guida Alpina Pasquale Iannetti con Valerio Mosca, per gli appassionati della roccia che vogliono scalare al fresco d'estate senza camminare troppo...   Sotto consiglio dello stesso Pasquale siamo andati a provare tutte le vie del primo settore, perche' a seguire ce ne sara' un altro gia' in fase di...
In una calda giornata di metà Febbraio, visto le condizioni meteo ottimali, l'assenza di pericoli evidenti del manto nevoso, abbiamo deciso di fare un'alpinistica classica del Gran Sasso: salita dai 2135 metri di Campo Imperatore per la direttissima fino in vetta a 2912 metri slm, e discesa per il Canale Bissolati; dalla guida "La montagna incantata" di Luca Mazzoleni: " Discesa impegnativa che richiede buone capacità tecniche e neve sicura. La pendenza è elevata e continua. (40 gradi)...
Quando la neve, ai Prati di Tivo, arriva da est... non c'e' nulla da fare se non preparare l'attrezzatura e correre in montagna!
Per la tanto sofferta apertura degli impianti dei Prati di Tivo,la stazione ha deciso di inaugurare in assetto total Freeride, il meteo ci ha donato una finestra di bel tempo... e grazie alle nevicate dei giorni precedenti...ENJOY THE POWDER #AbruzzoVerticale
 
 
 
 
  •  
     
     
     
     
     
  •  
     
     
     
     
     
  •  
     
     
     
     
     
  •  
     
     
     
     
     
 
 
Mercoledì, 22 Luglio 2015 07:17

IL VECCHIACCIO - Corno Piccolo - Seconda Spalla

La via del "Vecchiaccio" e' una delle vie piu' ripetute del Gran Sasso e la più famosa della parete ovest della seconda spalla,generalmente la stragrande maggioranza delle cordate preferisce evitare l'ultimo tiro,quello piu' difficile e psicologico, uscendo per il tiro con i chiodi a pressione dell’Aquilotti 72. Aperta da Pierluigi Bini con Massimo Marcheggiani ed il mitico “Vecchiaccio” Vito Plumari, la via segue delle bellissime fessure e, nell’abitudine dei ripetitori, supera una placca attrezzata a chiodi a pressione - l’originale passa invece più a sinistra ed ha un passo piuttosto difficile, protetto da un recente “spit galeotto”, che però resta ben lontano. Questo tiro è stato aperto da Bini in occasione della prima ripetizione, che è stata anche la prima solitaria. La via ha un tratto di VI- nella placca dell’Aquilotti 72 ed il resto viaggia sul V grado, sempre con arrampicata elegante su roccia perfetta.

Pubblicato in Alpinismo
Giovedì, 02 Luglio 2015 19:29

Manovra in sosta senza ghiera

Alla luce di alcuni fatti sconcertanti che vedo succedere sempre piu' spesso in falesia come il furto, sulle soste, dei moschettoni di discesa, propongo per chi non ne fosse gia' a conoscenza un'importantissima manovra che dovrebbe essere insegnata/appresa prima di decidere di cominciare a scalare da primi: la Manovra Petzl o Manovra in sosta senza ghiera...a fine articolo anche un piccolo video esplicativo per chi avesse qualche dubbio con le descrizioni a seguire. 

Pubblicato in Falesie
Martedì, 16 Settembre 2014 07:22

Magia di Calcare - Official Teaser

Risk 4 Sport finalmente presenta la versione ufficiale del trailer di "Magia di Calcare".
Magia di Calcare è un documentario che racconta come è stata realizzata la guida di arrampicata sui massi del Gran Sasso d'Italia.
Il film racconta la passione per l'arrampicata, l'amore per la natura, meravigliosi paesaggi e natura, l'amicizia e il grande amore per la montagna.
Realizzare tecnicamente il film ed arrampicare simultaneamente è stato un lavoro difficile.
La presentazione ufficiale sarà il 5 Ottobre a L'Aquila in occasione del Festival della Montagna.

DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE!!!

Magia Di Calcare - Official Teaser from risk4sport on Vimeo.

 

 

Pubblicato in Eventi

Il veleno dei calabroni e delle vespe causa il doppio di reazioni di tipo allergico rispetto a quella delle api. Ma perché sia letale, servono in media 100 morsi. Lo sapevate? Ecco a voi un articolo medico sui morsi da imenotteri – ossia api, vespe, calabroni, bombi e formiche – che durante la stagione estiva in montagna possono creare molti fastidi o problemi anche gravi.

Pubblicato in Alpinismo
Martedì, 01 Aprile 2014 17:37

Wild Climb Pantera 2.0

Scarpetta da prestazione per vie estreme. Precisione su appoggi millimetrici e buchetti. Ideale per arrampicata su placche tecniche leggermente strapiombanti, boulder e indoor di alto livello.
La scarpetta più evoluta di sempre da avere assolutamente (grazie al rivoluzionario HTS sistema anti-torsione del piede) nasce da un nuovo concetto di calzata e di arrampicata.

Pubblicato in Eventi
Giovedì, 06 Marzo 2014 19:24

AbruzzoVerticale & Climbook

Grazie alla collaborazione con il famoso sito CLIMBOOK, per gentile concessione del webmaster Mr.Alessandro Jolly Lamberti e del suo staff,da oggi AbruzzoVerticale e' completo di tutte le schede delle vie di ogni falesia, scaricabili in formato PDF per visionare tutte le vie di ogni settore: un vero e proprio ponte tra il nostro portale e Climbook!!! Ovviamente tutte le schede sono di proprieta' esclusiva di Climbook e tutti i diritti sono a loro riservati.

Grazie Climbook!!!

Pubblicato in Falesie
Martedì, 24 Dicembre 2013 11:37

"Il Porcellum" @ Fano Adriano

E' il 22 Dicembre, e alle porte del Natale in Abruzzo ancora si arrampica in falesia a maniche corte. Nella Falesia di Fano Adriano (TE) c'e' un nuovissimo multipich: "Il Porcellum" provato a pochi giorni della spittatura.

Studiato e creato dalle menti di Gianluca Di Benedetto e Paolo De Laurentis, si aggiunge alle altre vie a piu' tiri di Fano Adriano e si compone di 4 belle linee per un totale di circa 100 mt forse piu' che meno: parte a sinistra della vicina via chiamata "7F" per finire sulla stessa sosta finale in cima alla falesia.

01

02

Il Primo tiro gia' ci avverte del grado della via: su roccia ancora sporca a causa della recentissima spittatura si traversa verso sinistra, su placca, tacchette e scaglie fino alla chiusura ben ammanigliata,  fino alla prima sosata. Grado? Siamo sul 6A.

03

Manuela sul traverso del primo tiro

04

Dalla sosta si riparte subito con due bei monoditi in verticale per piegare leggermente a sinistra per 30 metri... qui il gioco si fa un po meglio ma non piu' facile, perche' lungo la via troviamo anche belle ronchie da tirare ma anche passaggini in aderenza non del tutto da ridere...per il grado siamo molto vicini al precedente; forse a causa della presenza dei bei maniglioni anche qualcosa in meno: diciamo un bel 5C+ 

05

06

Manuela "spalmata" in placca sul secondo tiro

07

08

Dalla sosta del secondo tiro parte un collegamento segnalato da una corda fissa, su "facile prato" fino ad arravare al secondo corpo roccioso in alto a sinistra che ingloba gli altri due tiri sempre su roccia bellissima, anche se ancora un po polverosa e sporchina a causa della giovane eta'.

09

La partenza del terzo tiro

10

Il terzo tiro gradato dagli apritori 6A+, e' quello piu' difficilino perche' comprende un passaggino delicato su placca a mio avviso di 6B pieno, per il resto e' ben protetto e molto divertente.

11

Stefano, Fabio e Massimo sul terzo tiro

12

I due tiri, con un po di cautela nell'allungare le protezioni nei punti di curvatura, possono essere uniti con un unico tiro con una corda di almeno 70 mt per saltare la sosta tra il 3° e 4° che e' abbastanza aerea...

13

14

Appesi alla sosta del terzo tiro.

15

Manu sul passaggio chiave del terzo tiro

16

17

Il quarto tiro e' quello defaticante che porta alla fine della via: siamo sul 5C ben ammanigliato ma perniente banale... se si sbaglia l'interpretazione della linea si finisce su placche lisce di grado bello alto!!! Questo tiro mette alla prova l'intelligenza verticale per sconfiggere la parete nel suo lato piu' debole!!!

18

Manu mi assicura appesa alla sosta del 3° tiro.

19

...e dopo questi bei tiri si arriva incima alla parete rocciosa su una sosta sotto ad un grosso masso molto comoda!!!

20

Per uscire dalla via si puo' optare per un sentierino un po aereo a sinistra del masso oppure si puo' continuare ad arrampicare ancora per qualche metro proprio addosso al masso (sempre protetti da spit).

21

Per tornare a valle basta seguire l'intuitivo sentiero in cresta che curva a sinistra segnalato da piccoli omini di pietra.

22

23

24

Si scende giu' per un brecciaio che si ricongiunge alla discesa dell'altro multipich "gli alberelli" e si torna al punto di partenza in pochi minuti di cammino.

25

Quando siamo riscesi dalla via abbiamo trovato Gianluca che stava appena liberando l'ultimo progetto "Goccia d'Argento": seconda libera dopo quella di Paolo qualche giorno prima.

La via e' consigliatissima a chi ama le vie a piu' tiri e non ha paura di trovarsi in ambiente "montano", le soste sono tutte ben attrezzate con catena e moschettone e in caso di "rinuncia" i primi due tiri possono essere scesi in moulinette con una corda da 80 Mt in un unico tiro e tra gli altri due tiri, Paolo ha attrezzato un percorso protetto da corde fisse che porta fino alla cima dove c'e' il sentiero.

BUON DIVERTIMENTO!!!

 

 

 

 

Pubblicato in Falesie
Mercoledì, 17 Luglio 2013 00:00

Arapietra - Al cospetto del Paretone

Da poco tempo e' nata una nuova Falesia proprio ai piedi del Paretone del Gran Sasso; e' sicuramente tra le falesie piu' alte del centro Italia con i sui 1800 metri circa caratterizzata dall'ottimo calcare appenninico che caratterizza l'arrampicata sul Gran Sasso d'Italia.

Questa falesia nasce dalla buona volonta' di Gianluca di Benedetto, Pino Sabbatini e Paolo De Laurentis, volti molto noti nel panorama alpinistico del centro Italia. L'inizio di questo progetto e' partito da poco piu' di un anno proprio a cura di Pino e Paolo e poi continuato da Gianluca che anche ieri era presente in "falesia" con il trapano e il piede di porco a provare nuove linee e a liberarle dai massi pericolanti.

Pubblicato in Falesie
Martedì, 16 Luglio 2013 19:28

Arapietra

LOCALITA':Prati di Tivo (TE)

TIPO DI ROCCIA: Calcare.

STILE DI ARRAMPICATA: Varia dalla placca tecnica a quella appoggiata. Non mancano vie dov'è richiesta forza e resistenza.

DIFFICOLTA': Dal 4C al 7C+ (livello medio 6B) Le vie sono tutte perfettamente attrezzate.Calata sempre su catena.

SCARICA ELENCO VIE ARAPIETRA - ELENCO CLIMBOOK

SETTORI: Unico lungo settore che si sviluppa su tutta la fascia rocciosa sottostante al vecchio rudere dell'ostello dei Prati di Tivo

ESPOSIZIONE: Est, in ombra nel pomeriggio d'estate

ALTITUDINE: 1850

PERIODO IDEALE: Primavera, Autunno e nei pomeriggi d'estate.

NUMERO TOTALE VIE: 41

COME ARRIVARE: Dal piazzale di Prati di Tivo prendere la strada a sinistra del piazzale che va verso il vecchio campeggio/cima alta prima asfaltata poi sterrata, proseguire fino alla fine della strada e parcheggiare con cura l'auto,prendere a piedi il sentiero Cai ben visibile, ma non sempre ben segnato, che porta verso la Madonnina e salire lungo il crinale, quasi alla fine della salita dove il sentiero si fa piu' tortuoso, guardare alla vostra sinistra si noteranno due omini di pietra su due massi: prendere il sentierino nel prato che piega subito a sinistra,seguendo gli evidenti omini che portano fino all'arrivo alla parete rocciosa con un itinerario che prende quota dolcemente.  
Con l'impianto,salire alla Madonnina, andare verso il rudere dell'ostello senza oltrepassarlo; meno di 50 metri prima,  ci si incontra con il sentierino verso destra che scende e porta rapidamente alla falesia: quando il sentierino si biforca, tenere la sinistra e in pochi minuti si e' sotto il primo settore della falesia. 

 

Visualizza Arapietra - Prati di Tivo in una mappa di dimensioni maggiori

Pubblicato in Arapietra

Via interessante di stampo classico, abbastanza logica,le soste sono attrezzate anche se non perfettamente una via non difficile, storica e sicuramente consigliabile.
DATI TECNICI
• Aperta da Lino D'Angelo, Enrico De Luca e Dario Nibid, 1 settembre 1974
• Prima ripetizione: Fabrizio Antonioli e Paolo Caruso, 1 luglio 1977
• Prima solitaria: Pierluigi Bini, giugno 1978
• Materiale necessario: normale dotazione alpinistica
AVVICINAMENTO E ATTACCO:si prende il sentiero Ventricini e lo si lascia quando questo giunge attraversa il vallone proprio sotto la Spalla. L'attacco è dietro la grossa lama staccata alla base della perete.
Si attacca proprio dietro al masso staccato (non si può sbagliare) vicino alla parete, si sale più o meno dritti (una cless. e uno spit vecchio, V) a prendere una fessurina (V) che ci porta dentro una sorta di canalino/rampetta; dove questo diviene fessura c'è la sosta (45 m c.; attualmente 2ch+ sasso incastrato nella fessura a dx).
Si prosegue a dx per la caratteristica fessura a "Z" (attenzione: probabilmente non conviene stare troppo dentro, meglio più esterni)(IV+), dove piega a sx si lascia, amdando a scavalcare una "costola" e per placchetta (IV+) si entra in una altro canaletto facile, al cui termine si può sfruttare la sosta spittata di una vicina via moderna (40m c.). Si monta sul pilastrino che ci sovrasta e poi seguindo i punti di debolezza sulla sommità dell'avancorpo.

DISCESA
In doppia sulla via "Sua mollosa Grossezza" aggirando il masso,oppure a piedi nel canale Bonacossa risalendo gli ultimi tiri delle Due Generazioni o della Morandi Consilio

Aquilotti 74

 

Pubblicato in Alpinismo
Pagina 2 di 3

NEWS

  • AbruzzoVerticale & Climbook
    AbruzzoVerticale & Climbook Grazie alla collaborazione con il famoso sito CLIMBOOK, per gentile concessione del webmaster Mr.Alessandro Jolly Lamberti e del suo staff,da…
  • Nuove Vie a Fano Adriano
    Nuove Vie a Fano Adriano La falesia di Fano Adriano (TE) si sta arricchendo a vista d'occhio di nuove vie: oltre alle presenti si stanno…
  • El Cap: Barcollo ma... non mollo!!!
    El Cap: Barcollo ma... non mollo!!! 27 Ottobre 2013 - El Cap Presenta: barcollo ma...non mollo!!!Pre-iscrizione obbligatoria attraverso sito fasi, attraverso mail per gli amatori a…
  • Block'In'Loft
    Block'In'Loft Domenica 13 Ottobre 2013, Spoltore (Pe), gara d'arrampicata su struttura artificiale...tutte le info sulla locandina.          
  • MARATONA VERTICALE - FALESIA DEL VERDIN
    MARATONA VERTICALE - FALESIA DEL VERDIN Domenica 8 settembre 2013Una giornata interamente dedicata al verticale.Falesia del Verdin a Montebello di Bertona (PE)Otto ore di arrampicata:8.30 -…